Il Polisario fa esplodere ultime riserva di mine nel Sahara occidentale liberato

Il Fronte Polisario ha distrutto 2.485 mine domenica nella regione di Mheiriz in risposta alle leggi di Ginevra firmata Repubblica Araba Saharawi Democratica nel 2005.

Nel suo discorso per l’occasione, il ministro della Difesa nazionale saharawi, Abdelah Lahbib, ha evidenziato che il Fronte Polisario aveva firmato le convenzioni di Ginevra per la necessità di smaltire gli effetti pericolosi e distruttivi causati dalle mine e dai residui esplosivi di guerra di sofferenza e di tragedie sui popoli.

Il ministro ha espresso la preoccupazione del Fronte Polisario e dello stato Saharawi secondo cui il Marocco rimane uno dei pochi paesi al mondo che non ha ancora aderito agli sforzi della comunità internazionale per vietare le mine.

Da parte sua, il rappresentante della delegazione di Ginevra in Nord Africa si è congratulato con il Fronte Polisario e lo stato sahrawi per la distruzione di queste scorte di mine, che contribuiranno ad alleviare le sofferenze derivanti dal pericolo delle mine antiuomo.