WesaTimes e SLUM lavorano insieme!

Salve a tutti e tutte!

a scrivere siamo tutti noi autori degli articoli del giornale online Wesatimes, una piattaforma specializzata sulle questioni relative alla causa Saharawi e costantemente impegnati a scrivere della nostra terra, della resistenza, della storia, della politica e della cultura, per trasmettere la voce del nostro popolo, il suo dolore, la sua speranza e i suoi sacrifici per recuperare i suoi diritti rubati. In quest’occasione lavoriamo insieme alle autrici e agli/* autori/* di Sono l’unica mia.  (o SLUM), progetto di femminismo intersezionale e inclusivo con cui abbiamo già collaborato per l’evento itinerante “Slumphilia – sull’autodeterminazione di popoli e corpi”. 

La base di Wesatimes, l’unico sito di notizie dal Sahara in Italia, resta il Sahara; il sito inoltre è riconosciuto dalle autorità politiche del Fronte Polisario e dai ministeri competenti dello stato Saharawi. Entrambi i progetti, comunque, hanno autori in tutta Europa e oltre. 

Per portare avanti il nostro lavoro abbiamo sempre investito nelle nostre forze, senza avere introiti, e nella credibilità che ci porta l’essere sempre precisi nel narrare; abbiamo incontrato moltissimi ostacoli, in particolare nei territori occupati siamo soggetti a molti rischi come l’arresto e le minacce alla sicurezza e alla vita, se già le violazioni nella nostra terra sono tante: rapimenti, torture, mancanza di assistenza medica, molestie, stupri, violenza militare, controllo economico, diffamazione per mezzo dei media e della politica. 

Noi di Wesatimes siamo intrappolati dallo stato occupante e siamo tutti disoccupati , ci mancano i mezzi di azione per resistere all’occupante marocchino e denunciare le violazioni contro il popolo Saharawi.

Molt* di noi lavorano con i cellulari per passare delle informazioni agli enti internazionali, nonostante il continuo blocco della connessione verso i territori occupati nel Sahara Occidentale – tantoché la recente distruzione dei server ci ha tolto la possibilità di diffondere le informazioni in francese, spagnolo, arabo e inglese come abbiamo sempre fatto. Il progetto SLUM è disposto a darci una mano e la fotografa ufficiale di questo, l’attivista Gaia Guarnotta, farà per noi un tour in Marocco e nel Sahara Occidentale per delineare attraverso i suoi scatti la bellezza e l’identità del nostro popolo, nonché la sua attuale situazione. 

Abbiamo assolutamente bisogno del vostro aiuto! 
Il nostro sito ha una scadenza, come ogni “dominio”, e l’abbonamento va rinnovato, ma non è solo questo: abbiamo bisogno di un supporto per tutto il sistema tecnologico a cui ci appoggiamo per i nostri reportage e per il tour fotografico. 

Ecco cosa ci occorre:
2 PC – portatili
Fotocamera alta qualità
Abbonamento del sito (400/500)
Il necessario per il viaggio di Gaia 

Per maggiori informazioni non esitate a contattarci tramite Facebook  o la nostra email, wesatimes@gmail.com, o sonolunicamia@outlook.it

Facebook: 
Wesatimes 
Sono l’unica mia. 
SLUM (community) 

Vi ringraziamo di cuore, anche solo pochi euro per noi sono fondamentali!

CLICCA QUI PER DONARE