Tensione tra Parigi e Washington per la durata del mandato del Minurso

Gli Stati Uniti vogliono un’estensione di sei mesi per il mandato del Minurso nel Sahara occidentale, mentre la Francia, alleata incondizionata del Marocco, sostiene che il mandato di un anno.

Questa divergenza ha causato il ritardo nel votare una nuova risoluzione sul Sahara occidentale, che il Consiglio di sicurezza ha rinviato.

L’adozione della nuova risoluzione avverrà oggi mercoledì 31 ottobre, anziché ieri come previsto.

In questa risoluzione la durata della proroga del mandato delle Nazioni Unite ha stabilito che gli Stati Uniti sostengono il mandato di sei mesi, mentre il partner incondizionata del Marocco, la Francia, preferisce prolungare di un anno (tecnica). 

In questa disputa John Bolton, Consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti, è costretto difendere la posizione del suo paese.

Questa nuova risoluzione sicuramente si distingue dagli altri in quanto non soddisfa Rabat.

E anche la presenza di John Bolton nell’amministrazione americana rende squilibrato il regime marocchino.

Perché questo diplomatico veterano non è altro che l’ex collaboratore di James Baker, ex inviato speciale delle Nazioni Unite per il Sahara occidentale, quando era il Segretario – generale Kofi Annan anno 1997 fino al 2006.

E’ stato in contrasto con gli interessi del Regno del Marocco perchè aveva difeso l’estensione del mandato della MINURSO per i quali dovevano sorvegliare i diritti umani nel Sahara occidentale ed accelerare il referendum di autodeterminazione.

Tuttavia, Bolton non ha rilasciato alcuna dichiarazione pubblica, sebbene sia vero che gli Stati Uniti non nascondono il desiderio di porre fine a questo conflitto che dura da più di 40 anni.

Attraverso questa nuova risoluzione, gli americani vogliono fare pressioni sul Marocco, in particolare, per riprendere i negoziati diretti.

I negoziati promossi da Köhler si svolgeranno il 5 e il 6 dicembre a Ginevra, ad appena un mese dall’adozione della nuova risoluzione su Minurso.

Da parte sua, il Segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, ha chiesto al Consiglio di sicurezza di prolungare il mandato della missione per un anno.

Per dare abbastanza tempo al mio inviato speciale per creare condizioni che permettano di raggiungere un avanzamento nel processo politico.

Sarà necessario verificare se i membri del Consiglio terranno conto della raccomandazione di Guterres.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.