Nasce “Yalah! Sahara” per rompere il silenzio sul conflitto Saharawi

Nasce una nuova associazione “Yalah, Sahara”, per rompere il silenzio dei media sul conflitto nel Sahara occidentale, l’ex colonia spagnola annessa dal Marocco nel 1975. Un movimento di varie associazioni catalane e membri della società civile e del mondo della cultura.

Questa mattina è stato presentato il progetto catalano della campagna di questo movimento, con la partecipazione del membro di Txarango Alguer Miquel; il sotto delegato del Fronte Polisario in Catalogna, Mah Iahdih; il membro di Clowns, Iván Pardo e l’attrice Rosa Maria Sardà.

“Yalah! Sahara”, che si presenta come un movimento culturale e politico si propone di “rompere il silenzio dei media” nel conflitto sahawi attraverso azioni volte a dare visibilità.

Queste attività hanno lo scopo di essere il “portavoce del popolo saharawi”, che ha “43 anni lottano per tornare nella loro terra”.

L’evento principale in programma per “Yalah! Sahara” si terrà dal 5 all’8 dicembre a campi profughi saharawi di Tindouf (Algeria), dove gli artisti locali e internazionali della musica, del cinema e la poesia si incontrano in un atto finalizzate sia alla popolazione saharawi.

Txarango, Zoo o Mrs. Tomasa sono alcuni degli artisti invitati che parteciperanno all’evento, anche se “ci sono ancora nomi da confermare”, come riportato da “Yalah! Sahara”, che ha riferito che si terrà anche un evento più politico per denunciare la situazione nei territori occupati del Sahara Occidentale.

L’11 novembre si terrà “Yalah Barcelona”, un concerto in cui verrà denunciata la situazione della popolazione saharawi nei campi di Tindouf e con la quale si intende raccogliere fondi per l’evento che si terrà il mese successivo in Algeria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.